Huawei

Fino a qualche tempo fa nessuno conosceva Huawei in Italia, nonostante fosse già il terzo produttore di smartphone al mondo. Questo perché Huawei opera maggiormente in Cina, dove ha la sua sede principale e dove ha un mercato molto ampio. La novità sta nel fatto che Huawei ha iniziato ad “invadere” anche l’Europa e l’Italia. In meno di un anno, pressoché l’intera popolazione è venuta a conoscenza di questa marca di smartphone, sia perché di cellulari in Italia si parla molto, sia perché hanno una caratteristica che a molti italiani piace parecchio: il costo. I cellulari Huawei offrono dei prodotti tecnologici ad un prezzo basso, andando così a competere con Samsung che per anni è stata l’alternativa “economica” agli iPhone.

I bassi costi della Huawei, va detto subito, sono dovuti al bassissimo costo della manodopera. Per quanto riguarda la tecnologia, invece, va evidenziato che Huawei investe il 10% del suo fatturato annuo per la ricerca e lo sviluppo. Proprio per la ricerca e lo sviluppo, essenziali ai fini della concorrenza, Huawei impiega quasi la metà dei suoi dipendenti (che sono circa 200 mila ma che continueranno a crescere nei prossimi anni, così come i suoi fatturati). Non a caso, è tra i principali leader al mondo per brevetti depositati.

Modelli Huawei

Della Huawei sono stati prodotti e commercializzati numerosissimi modelli. Le famiglie più famose sono l’Ascend, G, Honor, Ideos, Mediapad, U, Y. In ultimo, la famiglia P è una tra quelle su cui si punta maggiormente, soprattutto per la qualità della fotocamera, costruita in collaborazione con la rinomata marca Leica, montata sul Huawei P9.